Tag

, , , , , ,

Ci sono persone che entrano nella tua vita e la cambiano per sempre, ed è un privilegio, un regalo del destino, conoscerle e avere modo di percorrere un tratto di strada con loro. Così è stato per me, nell’incontrare la Signora Pina Leni, che è stata una sarta per tutta la vita, ed ha indirizzato con buon gusto e dolcezza tante spose e clienti nel corso degli anni. Mi ricordo con precisione quando, dopo aver drappeggiato addosso ad un manichino che tenevo in vetrina dei tessuti, le ho confessato che mi sarebbe piaciuto riuscire a creare vestiti dai miei disegni. Lei mi ha guardato con i suoi meravigliosi occhi così blu in certe giornate di sole, e mi ha aperto la strada, affiancandomi, assecondando le mie follie, incoraggiandomi. Di fronte al primo vestito realizzato, ci siamo abbracciate come bambine di fronte ai pacchi da aprire la mattina di Natale. Non era mai tardi per andare a casa sua, e non c’è mai stato bisogno di essere annunciati. Di fronte a lei sono passati i miei sogni e grazie a lei la possibilità di realizzarli. Tutte noi, io per prima e per sempre, e le mie modelle, le dobbiamo i nostri sorrisi davanti ad uno specchio, una parola buona,  un complimento, i vestiti messi a fianco dei disegni per dirci che ancora una volta, ce l’avevamo fatta. Abbiamo pianto di emozione con le spose, e riso di gusto, brindando con un bicchiere di spumante per festeggiare la prima sfilata, e ci siamo raccontate vita in certi viaggi in macchina per cercare tessuti speciali, e su una panchina, in Oltrepò Pavese, alla fine di una luminosa giornata di ottobre. Proprio per la prima sfilata le ho disegnato un abito, che lei si è realizzata, e quando l’ho vista, così elegante, sorridere, mi si è aperto il cuore. Ho saputo che non è più con noi solo stasera, quando da tanto tempo non la vedevo perchè presa oltre che dagli impegni della vita, da una vita diventata più dolorosa, e improvvisamente questa giornata di sole speciale, è stata un pò meno luminosa. Ma sul muro di un cimitero, una volta, tantissimi anni fa, ho letto: “…ma l’anima non muore”. Ed è vero, Pina, lei è qui, nelle bellissime creazioni che meglio di qualsiasi parola la rappresentano. Arrivederci. Grazie da Isabella e, so che saranno tutti con me nel ricordarla sorridente, dolce e vera, da Camelia, Elisa, Enza, Stefania, Laura, Arianna, Marzia,  Alessandra, Morena, Luca, Anna, Valeria,  Giorgio, Morena, Eleonora, Giada, Giorgia, Michela, Kim, Sara, Jessica, Alessia, Simona, Mariangela, Federica, Tiziana, Chiara, Pamela, Rossella, Vittorio, Michela, Giuseppe, Marzia.

Giuseppina Leni Gardoni

Annunci