Tag

, , , , ,

Tempo fa ho seguito per qualche settimana un laboratorio di danza sensibile e butoh. Difficile spiegare, se non lo si prova direttamente, cosa possa rappresentare esistere con lo spazio, riempirlo, stare. Io, ho avuto la fortuna di poterlo sperimentare, anche se per poco; cosa che mi ha lasciato la speranza di tornare un giorno o l’altro ad essere acqua, e fiore, e vita attraverso la morte. Questo è un piccolo omaggio a Kea Stefania Tonetti, staordinaria insegnante che mi ha iniziato alla danza butoh (e fatto scoprire di avere ancora un collo, e moderatamente lungo!) e a Laura, che ho applaudito alla performance di fine anno degli allievi. Spero che gli artisti ritratti non si dispiaceranno di questo piccolo tributo.

Laura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci