Tag

, , , , , ,

“Vedo una magnifica città e uno splendido popolo sollevarsi da questo abisso. Vedo le vite per le quali sacrifico la mia, pacifiche, utili, prospere e felici. Vedo che nell’intimo del loro cuore essi hanno per me un santuario e l’hanno i loro discendenti, generazione dopo generazione. Quel che faccio è certo il meglio, di gran lunga, di quanto abbia mai fatto e quel che mi attende è di gran lunga il riposo più dolce che abbia mai conosciuto”.

(“Racconto di due città” Charles Dickens)

 

Scelto perchè è l’elogio funebre a Bruce Wayne/Batman, creduto morto, nell’ultimo film della trilogia “Il Cavaliere Oscuro”. E riconfermato perchè queste parole sono tratte dall’unico romanzo storico scritto da Dickens. Una rarità nella rarità, quella di credere morto un supereroe e celebrarlo con il brano di un libro unico.

 

Annunci