Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

ALL'OPERA!Dopo mille altre foto, quasi 200 chilometri, mele rosse, rose screziate, ortensie e mirto beneaugurale, pizzo e organza, colla a caldo, tavole moodboard, sicuramente dopo due bottiglie di ottimo vino e etti di salame e coppa nostrani, e della micca pavese, pane che rende più facile dare un senso alla vita, si è conclusa anche questa sessione di Corso “Display Scenografico”, organizzato da A.W.P. Associazione Wedding Planners. Sessione che ha davvero portato un soffio di follia, di allegria e di fede assoluta nella creatività, trascinandoci tutte, allieve e insegnanti, come in una gita, su una strada di vitigni, di nebbia, di cose indefinibili,  antiche e piene di sentimento. Ci siamo perse nel colore rosso cupo di un bicchiere di buon vino, offertoci dalla calda (in tutti i sensi! dal momento che la giornata era frescolina…) ospitalità dell’Azienda Agricola Vercesi Del Castellazzo. Ci siamo ispirate, le guance appena arrossate non si sa se dal vino o da quali pensieri entusiasti che ci hanno sopraffatto e cancellato dubbi e remore, lungo i corridoi e per le sale della dimora Vercesi, respirando forte l’odore della legna e quel tocco di eternità che ha creare il nuovo in un luogo di ricordi. Abbiamo riso, inventato storie fantastiche di spose e di oggetti vissuti dal tempo, creando una rete di affetto invisibile ma solida, presente negli sguardi, nel riconoscersi simili senza conoscersi ancora a fondo. Abbiamo scrutato le foglie del giardino, cercando un tono di rosso che fosse vicino al nostro cuore brillante e così pieno di tutto, voci, pensieri, anime, altre cento vite da vivere tutte lì, tutte ora e poi basta, per poterle ricordare al telefono arrossendo ancora, per la fortuna di averle condivise, tutte quelle foglie e quei battiti d’ali. Ci siamo sfidate. Abbiamo guardato fuori da una finestra che si è aperta su tutta la bellezza che c’è, tanto da rimanere senza respiro. E l’abbiamo domata, trasformata, quella bellezza, l’abbiamo resa nostra, nostra nel profondo, nostra credendo ancora una volta, come sempre, che i progetti possano essere realizzati tutti. Che si possa cercare, e stringere, la felicità. Così, abbiamo reso felici per prime noi stesse, felici come bambine di fronte a una scatola di matite nuove, ad un bel nome da pronunciare al telefono per presentare quelle che saremmo state domani. Grazie. Grazie sempre e prima di tutto a Ivana, Martina, Elisa, Greta, Federica, Cristina, Diana, Marilena, Angela, Mattea, Francesca, gruppo di donne straordinarie. Grazie a Nadia Carraro, che ha documentato fotograficamente tutto con entusiasmo, simpatia e pazienza infiniti, e a Luca Arnone per il post produzione e l’ottimizzazione per web. Grazie a Stefania Arrigoni!!!, presidente A.W.P.. Grazie a Marco Vercesi, per averci aperto le porte di casa, e per avermi riportato ad un’estate mai finita di ricordi meravigliosi.

 

Annunci